notizia precedente notizia successiva 
Fasce di rappresentanza a Vallo: ma quante sono?
lunedì, 04 maggio 2015
 
 
“Leggo con stupore le parole del dirigente (Mario) Ogliaruso del comune di Vallo della Lucania, il quale avrebbe dovuto preferire il silenzio, in quanto accrescono ancora di più il mio sgomento e la mia curiosità di cittadino, nel capire come vengano spesi i soldi pubblici.” Queste le dichiarazioni di Antonio D’Agosto, iscritto al PD di Vallo della Lucania, sulla vicenda della fascia di rappresentanza del sindaco, la somma per acquistare la quale è stata poi portata all’approvazione tra i debiti fuori bilancio del comune. Sullo stato di clamore suscitato dall’aver portato fuori bilancio la somma per l’acquisto della fascia sindacale, si era espresso il dirigente del comune di Vallo della Lucania, Mario Ogliaruso.  Si era anche detto che la fascia era stata un regalo. “Il dirigente Oglairuso” replica D’Agosto “forse non ha ben compreso lo sgomento dei cittadini: il problema non è l’acquisto della fascia o chi la indossa, ma la spesa sostenuta. Se in commercio ci sono buone fasce da 135,00 €, perché strafare e mettere sullo stesso piano il comune di Vallo della Lucania e lo stato del Brunei? La fascia non viene acquistata con soldi a bilancio, ma con i soldi dei Debiti Fuori Bilancio. Come spesso accade nella nostra Italia, il dirigente Ogliaruso o chi per esso, non si è accorto di avere acquistato 2 Fasce di Rappresentanza e non una, come si evince dalla fattura allegata. Da fonti Facebook vicine all’amministrazione, pare che la fascia al Sindaco gli sia stata regalata, quindi ricapitolando: se il Sindaco ha la fascia di Proprietà e dalla fattura si evince che sono state acquistate due fasce di Rappresentanza, ergo il Comune di Vallo della Lucania ha in dotazione ben TRE fasce…non sia mai si dovessero sporcare con i pasticcini dei matrimoni. E’ fin troppo chiaro che la morale, se mai ce ne fosse, di tutta questa storia è nel modo in cui si spendono i soldi pubblici, senza curarsi del fatto che non si stanno impiegando soldi propri.”