notizia precedente notizia successiva 
Salento: la comunità locale, da quarantacinque anni, offre le caldarroste ai visitatori
mercoledì, 14 ottobre 2015
 
 
Una festa nella quale la comunità locale si apre per offrire ai visitatori le caldarroste gratis: dal 15 al 18 ottobre a Salento la festa d’autunno. Sarà per il fatto che la festa d’autunno a Salento è arrivata alla quarantacinquesima edizione, sarà perché il paese segna un po’ il limite, in altitudine, della vegetazione del castagno, per cui il paesaggio assume una tale conformazione che guardando dalla strada principale nella parte inferiore si notano ficheti ed altra vegetazione, guardando, invece, al di sopra, verso la collina, si vedono i castagni secolari fino dove l’occhio si perde. Sarà anche perché, non in ultimo, nelle sagre e nelle feste il prodotto dovrebbe essere offerto piuttosto che farci un mercimonio. Sarà per questo e per altri eventi che in quasi cinquant’anni hanno segnato la sensibilità locale e continuano a farlo, durante i festeggiamenti di San Gerardo la comunità salentina offre a quanti vi fanno visita sacchetti di caldarroste. Le castagne, che una volta rappresentavano il “pane” per le popolazioni interne, a Salento hanno incontrato l’arte pasticciera soprattutto nelle famiglie D’Agostino, Rizzo e Santoro che ne hanno arricchito la tradizione. Nel corso di quattro decenni e mezzo, da quando Antonio Gorga nel 1970 l’ha ideata, la manifestazione è divenuta festa, momento di interscambio culturale tra musiche, balli ed enogastronomia. Tutte e quattro le serate avranno uno sfondo di musica popolare:   giovedì 15 si parte con gli Eko; venerdì 16 ci saranno i Kiepo’ in “Tarantella paglia e fieno”, sabato sera, “per la prima volta a Salento” si legge in un articolo apparso su “La Mangragola” “la formazione di Peppe Cirillo accompagnato dal cantautore Michele Pecora. A chiudere la manifestazione domenica 18 Angelo Loia e Progetto Oiza feat Tommaso Sollazzo.  Ospiti estemporanei e itineranti Zì Ndonio da Castelnuovo con il suo organetto, Mario da Cannalonga, il tamburello de ‘O Lione da Pagani.”
Copertina: Edizione 2014 della Festa della Castagna di Salento, il sindaco Gabriele De Marco premia Antonio Gorga, ideatrore della manifestazione
Fonte: La Mangragola
http://www.lamandragola.org/?p=3330