notizia precedente notizia successiva 
Policastro: chiudono i cantieri degli scavi del Parco Archeologico
martedì, 07 ottobre 2014
 
 
Domani chiude il cantiere della campagna di scavi archeologici a Policastro Bussentino. In una nota stampa l’amministrazione di Santa Marina comunica che nella mattinata di domani farà visita al Parco Archeologico “ per salutare chi ha collaborato al Campo Internazionale di Ricerca Archeologica, al quale partecipano universitari provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo, e per visionare i progressi fatti nel corso dell’attuale stagione di ricerca che ha riportato alla luce nuovi ad importanti reperti ed ha ulteriormente ampliata l’area di scavo”. L’iniziativa degli scavi nasce da un progetto di collaborazione tra comune, la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta e l’associazione “Etruria Nova Onlus”. “In quattro anni di studi” continua la nota del comune di Santa Marina “numerosi sono stati gli sviluppi fatti per quel che concerne l’attività di ricerca e di recupero: il ritrovamento di ben due aree, di diverse epoche sovrapposte. Un’area di epoca romana risalente al terzo secolo dopo Cristo, ed una fase successiva di riuso della struttura di epoca medievale. Una costruzione circolare, che per forma e dimensioni fa pensare a un labrum, usato nelle terme per contenere le acque oppure potrebbe trattarsi di un pozzo di epoca medievale, la datazione, infatti, è incerta poiché la struttura è stata successivamente riempita. Tra le altre scoperte anche frammenti di pavimento in coccio pesto, sempre di epoca romana, contiguo al mosaico pavimentale multi cromo contenente una striscia con piastrelle bianche e un’altra con piastrelle nere, una vasca in malta idraulica, numerose ceramiche e monete. Lo spessore dalla muratura scoperta, inoltre, fa ipotizzare che l’edificio possa essere appartenuto a un personaggio molto importante di Buxentum. Non si conoscono ancora le dimensioni del fabbricato, certo è che l’area è molto vasta, forse più ampia di quel che si può immaginare, potrebbe trattarsi di un edificio privato, o un fabbricato pubblico, potrebbe essere scoperto perfino un intero quartiere. Gli scavi di Policastro, infatti, rappresentano un rinvenimento eccezionale con un sottosuolo ricco di testimonianze straordinarie in ottimo stato di conservazione, dal Medioevo in questa zona non ci sono state edificazioni rilevanti, questa è una grande fortuna perché i resti presenti nel sottosuolo sono riusciti a conservarsi fino ai nostri giorni”.