notizia precedente notizia successiva 
Pittura e make up alla Biennale di Salerno: Anna De Rosa mette rossetti e e ombretti su tela
venerdì, 17 ottobre 2014
 
 
 
Semplice, economica ed ecosostenibile.Si chiama Cosmeticart, l’originale tecnica utilizzata da alcuni artisti per creare una nuova forma pittorica. Riciclando vecchi rossetti, fard e ombretti, sostituiscono le tinte cromatiche acriliche, a tempera, olio ed acquerello, semplicemente sfumando o abusando di vecchi cosmetici.  La Biennale di Arte Contemporanea a Salerno, aperta sino al 25 di ottobre, anche se il sindaco della città Vincenzo De Luca auspica ad un proseguo dell’evento, ospita tra i 360 artisti, anche esponenti dell’arte del riciclo. Fra questi, Anna De Rosa, artista salernitana: “Dipingere per me è una passione che parte dall'anima, dalla mia interiorità, prosegue dal braccio, alla mano... e gli occhi che gioiscono dei colori spingono tutto l'essere a completare il lavoro! Per me l'arte è molto legata alla nostra parte intuitiva e non a quella della logica. La considero un linguaggio vero e proprio, che andrebbe letto in maniera visiva, quindi non vincolato da un'interpretazione razionale. E' lo stesso motivo per cui non avrebbe senso spiegare un quadro o cercare di trovarci dei significati che seguano un percorso logico,anche se io dipingo scene di vita racchiuse in un particolare momento!” La pittura di Anna De Rosa è realistico-naif e viene realizzata grazie alle mescolanze di diversi materiali di riciclo come ombretti, fondotinta, matite, rossetti e smalti.
 
Foto: Il Viaggio, tela 100 X 100 riciclo cosmetici