notizia precedente notizia successiva 
Fondi per i Beni Culturali: occorre una pianificazione organica
martedì, 03 novembre 2015
 
 
Utilizzare  le risorse europee non solo per recuperare i Beni Archeologici, ma per supportare un sistema integrato di sviluppo capace di far anche arrivare i turisti (Trasporti) e farli permanere sul territorio (strutture ricettive)”. Queste le linee guida che emergono da un convegno sui Beni e Attività Culturali nel nuovo programma del Piano di Azione Coesione 2014-2020. La convention si è svolta. Paestum nel corso della diciottesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. Occorre quindi un sistema organico di azioni che integri la fruizione e che non badi soltanto alla valorizzazione; è questa un’azione che ben si integrerebbe con la gestione dei beni archeologici e culturali del Mezzogiorno d’Italia, spesso non fruiti perché poco accessibili. “Questa la sfida” si legge in una not stampa regionale “secondo Serena Angioli, assessore ai Fondi Europei, alle Politiche Giovanili, alla Cooperazione Europea ed al bacino Euro-Mediterraneo della Regione Campania e Francesco Caruso, Consigliere ai Rapporti Internazionali e all’Unesco del Presidente della Giunta Regionale della Campania.Ad introdurre e a moderare il convegno è stato il Direttore Generale per le Politiche Sociali, le Politiche Culturali, le Pari Opportunità e il Tempo Libero della Regione Campania, Rosanna Romano.”