notizia precedente notizia successiva 
Agorà Contemporanea: si chiude la seconda serata della Festa della Castagna a Salento
sabato, 18 ottobre 2014
 
 
Si conclude, con grande soddisfazione degli organizzatori, la seconda giornata della Festa della castagna di Salento: ieri sera due concerti a rappresentare cultura e tradizioni musicali della Campania. Non poteva mancare il ricordo e il tributo al grande cantore del Cilento Aniello De Vita, che del territorio ha raccontato la storia e l’anima attraverso canzoni, musica e racconti. In apertura infatti “Angelo Loia e Progetto Oiza” ha tracciato un viaggio, attraverso melodie e sonorità rinnovate, nel meglio della cultura e della tradizione. A seguire i salernitani Terraemares che hanno proposto un percorso tra la storia della Campania da Napoli sino a Salerno passando per Avellino ed hanno concluso la performance con un omaggio al Cilento che li ha ospitati. La Festa della Castagna si conferma manifestazione di grande rilievo storico per il Cilento raccogliendone il meglio della cultura e della tradizione del territorio ed arricchendola con un'offerta musicale di grande qualità. La manifestazione continua stasera e domani evidenziando, in una piazza che diviene sempre più simbolo del confronto tra culture tradizioni,  quel viaggio attraverso la cultura musicale del Sud attraverso una proposta musicale integrale del Mezzogiorno.  Questa sera nella piazza di Salento due gruppi calabresi: in apertura gli Etnosound seguiti dal campione di organetto Antonio Grosso con le Muse del Mediterraneo.  Organizzata dal Comune di Salento in collaborazione con la Pro Loco, la Festa della Castagna è stata inserita nel progetto regionale “Agorà Contemporanea: Festival delle identità culturali”, un grande contenitore di eventi che, dopo Salento, coinvolgerà i comuni di Novi Velia, Cannalonga e San Mauro La Bruca. Agorà Contemporanea vede il partenariato della Soprintendenza Bap di Salerno e Avellino, l’associazione Achille e La Tartaruga e l’associazione Identità Mediterranee.