notizia precedente notizia successiva 
Autovelox Capaccio: l’appello dell’associazione “Noi Consumatori Castellabate”
sabato, 18 luglio 2015
 
 
“Vigileremo affinché questa nuova apparecchiatura venga utilizzata nella trasparenza e chiarezza normativa più assoluta ed in particolare vigileremo affinché siano installati appositi e specifici avvisi che mettano gli automobilisti nella reale condizione di essere edotti circa la presenza dell'apparecchiatura e circa la sua visibile e chiara collocazione.” Queste le dichiarazioni dell’avvocato Giuseppe Russo responsabile delle associazioni “Noi Consumatori Castellabate” e “Anti Equitalia Point Agropoli”, in merito all’installazione di un autovelox sulla Cilentana entro i confini comunali di Capaccio. L’associazione “Noi Consumatori Castellabate” ha condotto un’aspra battaglia contro le illegittimità del dispositivo di controllo della velocità nel perimetro di Agropoli, autovelox che ha mietuto numerosissimi fruitori dell’arteria a scorrimento veloce a causa della tipologia dello strumento, della taratura e della scarsa visibilità. Precisando che l’associazione è a favore “di apparecchiature di controllo elettronico della velocità (purché le stesse abbiano la reale funzione di prevenire drammatici incidenti stradali e non di arricchire le casse degli enti a scapito delle tasche dei cittadini)” l’avvocato Russo concorda con alcune dichiarazioni rese da operatori turistici nella giornata di oggi sulla necessità di una regolamentazione della velocità lungo la strada. “Invitiamo gli automobilisti ad una guida prudente” conclude Russo “ed invitiamo il Comune di Capaccio a porre in essere una condotta totalmente diversa dalla condotta (peraltro perdente e a tutt'oggi sotto indagine da parte dell'Anti Corruzione e della Procura della Repubblica di Vallo) che fu posta in essere dal Comune di Agropoli circa il T-EXSPEED V.2.0 (dichiarato illegittimo dal Ministero dei Trasporti). Confidiamo nella lungimiranza dell'amministrazione di Capaccio e rassicuriamo i cittadini sin da ora circa il nostro interesse sulla vicenda.”
Copertina: foto di repertorio