notizia precedente notizia successiva 
Pellegrino: no alle trivellazioni nel Vallo di Diano
domenica, 10 aprile 2016
 
 
No alle trivellazioni nel Vallo di Diano, questa la secca e chiara posizione del neo presidente del Parco del Cilento Vallo di Diano e Alburni, nonché sindaco di Sassano, Tommaso Pellegrino. Sollecitato da un’intervista sulla questione del petrolio nell’area del Vallo di Diano, nel corso di un convegno sulle azioni di internazionalizzazione col Brasile, organizzato dalla BCC di Sassano, il presidente Pellegrino esprime una netta posizioni contro le trivelle nell’area protetta. “L'economia verde” afferma infatti il neopresidente “non può e non deve essere sfruttata da chi pensa di gestire e di occuparsi di ambiente facendovi affari, questo è un concetto che respingiamo con molta forza perché riteniamo che, laddove ci sono molti interessi economici, molte volte questi hanno il sopravvento sulla tutela dell'ambiente e quindi sulla tutela della salute della gente. Rispettare il nostro ambiente significa rispettare la nostra salute, rispettare i nostri paesaggi significa rispettare i nostri territori e le nostre comunità. Questo è uno dei motivi per il quale il Vallo di Diano ha detto e continuerà a dire no alle trivellazioni, al petrolio che ha un unico obiettivo, che ha un unico obiettivo, quello di arricchire le multinazionali e impoverire i nostri territori.”  Il neopresidente, sollecitato da una domanda sull’attuale situazione di rallentamento dell’idea di Parco, si esprime sulla necessità di programmazione. “Il Parco” continua infatti Pellegrino “va fatto ripartire soprattutto facendo programmazione, dandoci degli obiettivi ben precisi che tendano a favorire i nostri territori, a valorizzare ciò che abbiamo, chiaramente con la tutela del patrimonio che c'è nelle nostre comunità. È vero, tante volte, troppe volte, il Parco viene percepito come vincolo; noi dobbiamo far capire che non è un vincolo, ma è una grande possibilità ed è soprattutto un grande motivo di difesa dei territori come il nostro: il Parco può e deve rappresentare un grande volano per i territori quali il Cilento, il Vallo di Diano e gli Alburni”.