notizia precedente notizia successiva 
Il Parco della Dieta Mediterranea: lunedì prossimo la prima tappa
giovedì, 14 luglio 2016
 
 
“Il Parco della Dieta Mediterranea”, un progetto itinerante in quattro tappe volto promuovere uno stile di vita tanto celebrato nel mondo. La valorizzazione parte proprio dall’ente che maggiormente dovrebbe, avrebbe dovuto farlo, per la verità, anche negli anni scorsi, scandire un processo virtuoso di promozione del territorio: il Parco del Cilento Vallo di Diano e Alburni.  La nuova presidenza Pellegrino focalizza l’attenzione su quanto vi è d’importante in uno dei parchi con maggiori riconoscimenti in Italia.  “La Dieta Mediterranea è un patrimonio di tutti” sottolinea infatti Pellegrino “un patrimonio che va valorizzato costantemente, ricordando che non è solo lo stile di vita più salutare al mondo, ma che rappresenta anche l'identità del nostro Territorio”. La prima tappa del progetto si svolge proprio a Montisani, presso il Centro della Biodiversità, che sembra così tornare ad essere il centro di promozione e studio dell’ente.  Lunedì prossimo, 18 luglio, alle 17.30, l’attenzione sarà focalizzata sulla pizza. E’ un punto di partenza per valorizzare l’area meridionale della Campania attraverso un prodotto generalmente campano. “Testimonial e partner dell'iniziativa” si legge nella nota stampa del Parco “sarà il maestro pizzaiolo Gino Sorbillo della Pizzeria Sorbillo di Napoli, che ha fatto del connubio tra prodotti di qualità e tradizione un elemento distintivo. Il Parco, attraverso la Dieta Mediterranea, già riconosciuta patrimonio immateriale culturale UNESCO, sostiene la candidatura dell’arte dei pizzaiuoli napoletani ad essere inserita tra i patrimoni dell’Umanità. Siamo particolarmente contenti della partecipazione di Gino Sorbillo e del presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani che con numerose iniziative stanno lavorando perché si concretizzi questo importante e meritato riconoscimento.” Alle 17.30 di lunedì, la presentazione del progetto. Convention alla quale partecipano, oltre al presidente Tommaso Pellegrino, il sindaco di Vallo della Lucania Toni Aloia, il presidente del Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo, il presidente Slow Food Campania, Giuseppe Orefice, il presidente della Comunità del Parco, Salvatore Iannuzzi, il consigliere della Regione Campania con delega agricoltura, Franco Alfieri, il consigliere della Regione Campania, Francesco Borrelli, l'onorevole Sabrina Capozzolo, l'onorevole Simone Valiante e il presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, Sergio Miccù. Alle 19.00, show coking: i pizzaioli Gino Sorbillo e Paolo De Simone, della pizzeria daZero di Vallo della Lucania, lavoreranno a quattro mani alla preparazione delle pizze per la degustazione. I prossimi appuntamenti vedranno protagonisti le cuoche cilentane Maria Rina, del ristorante “Il Ghiottone” di Policastro, Giovanna Voria, dell'Agriturismo “Corbella” di Cicerale e Vitantonio Lombardo, di “Locanda Severino” di Caggiano.
Copertina: immagine di repertorio