notizia precedente notizia successiva 
Al via la conferenza di archeologia subacquea a Casal Velino: nasce un nuovo turismo legato al mare
mercoledì, 08 giugno 2016
 
 
Una conferenza di archeologia subacquea a Casal Velino, un nuovo modo di fare turismo. Millenni di storia  nei fondali del Cilento, questo il nome della convention che si terrà venerdì 10 giugno alle ore 19, presso l’area del Teatro del Porto a Marina di Casal Velino, è il secondo incontro di un progetto iniziato due anni orsono con Immersi in un mare di Storia. Un progetto che nel frattempo si è dilatato, arricchito ed esteso a tutte le attività, sport, sicurezza, sostenibilità, salvaguardia, legate alla matrice essenziale, il mare; perchè  vi è un mare ancora  da scoprire nel Cilento. Un mare da vivere in relax e benessere, un mare per divertirsi, da salvaguardare, ma anche una mare intriso di storia sommersa, di reperti antichissimi, risalenti alla Magna Graecia, alla Roma Imperiale: un mare culla ovattata per tesori, navi e vascelli perduti nel tempo e che ora, grazie al connubio delle associazioni di settore con sede in Marina di Casal Velino, alla passione, del Centro Immersioni Elea Sub di Stefano Antolini, agli studi dell’archeologo subacqueo Alessandro Franco, si apre come uno scrigno ritrovato per chiunque voglia vederne le meraviglie. Nasce così, una nuova strategia per fare turismo, un modo nuovo per amare e far amare le nostre radici culturali, partendo dalla passione per il mare,  dalle nostre inestimabili ricchezze etnografiche e naturalistiche.
La conferenza, che vedrà la partecipazione del sindaco, l’avvocato Silvia Pisapia, dell’istruttore del Centro Immersioni Elea Sub, Stefano Antolini, del dott. Alessandro Franco, archeologo del gruppo Archeosub  gruppo Otas  e del Presidente della Sezione di Casal Velino della Società Nazionale di Salvamento, Vincenzo Morinelli, sarà l’occasione per presentare un altro progetto correlato alle attività delle associazioni: Progetto Mare e Ambiente Cilento, che sarà illustrato dal presidente dell’omonima associazione Gabriele Baratta.