VIVIAMOCILENTO: antichi sapori, mare limpido e tesori culturali
Castellabate
01 maggio 2014 - 04 maggio 2014
 
 
Un itinerario per anime green, lungo l’area protetta dall’Unesco, da vivere fuori stagione. VIVIAMOCILENTO fa di questa filosofia il suo manifesto programmatico e dopo una prima, felice edizione del 2012 che ha portato nel Cilento migliaia di persone da tutta Italia, arriva quest’anno alla seconda stagione, dall’1 al 4 maggio,  proponendo  un programma ancora più vitale e ricco di eventi. “Slow is different” si legge in un comunicato stampa “questo è il motto di VIVIAMOCILENTO. Con un ritmo scandito da passi, note e assaggi, musica, poesia, buon cibo e storia si fonderanno, dal giorno alla notte, all’insegna della qualità e del vivere slow. Un’occasione per scoprire in tutta la sua naturalezza una terra, il Cilento, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, che è situata nell’area compresa tra la costa tirrenica e le pendici dell’Appennino campano-lucano. ll festival, sotto la direzione artistica di Giovanni Sparano,realizzato con un protocollo d’intesa tra 8 comuni e sostenuto dalla Comunità Europea e dalla Regione Campania, animerà i comuni di Pollica, città Slow, patria della dieta mediterranea e Bandiera blu per il mare pulitissimo, Castellabate uno dei Borghi più belli d’Italia tutelato dall'Unesco, Camerota, la perla del Cilento, rinomata per Cala Bianca eletta da Legambiente la spiaggia più bella d’Italia, il borgo medievale di Pisciotta presidio Slow food per le alici di menaica e rinomata per i suoi ulivi millenari, Casal Velino nota per l’antica Cappella di San Matteo, Centola con la sua roccia spettacolare sopra e sotto il mare di Palinuro e Sapri, cuore del Golfo di Policastro. Ogni giornata si conclude in bellezza con i concerti serali in location suggestive come Torre Caleo ad Acciaroli, il Castello dell’Abate a Castellabate, il lungomare di Sapri e di Agnone, la Marina di Pisciotta e il Borgo di Palinuro, e il Porto turistico di Casal Velino.
Ad esibirsi alcuni dei più importanti artisti del panorama musicale italiano e internazionale:
Enrico Rava il trombettista italiano più apprezzato nel mondo insieme al giovane e talentuoso pianista Giovanni Guidi duo (1 maggio Castellabate), Eugenio Bennato in trio, (1 maggio, Casal Velino) i Marlene Kuntz con l’ultimo album “Nella tua luce” (2 maggio, Camerota), gli Afterhours con la prima data del tour estivo “Hai paura del buio?”, (3 maggio, Pollica), l’album che 17 anni fa li consacrò come la band di riferimento per la scena indie rock italiana, e a seguire, in un inedito after show, l’inventore del dub giamaicano Lee Scratch Perry (3 maggio, Pollica). Ed ancora, l’eclettico Brunori Sas con il suo “Il Cammino di Santiago Tour”, seguito dal  geniale cantautore Dente con il tour dell’album “Almanacco del giorno prima”, (4 maggio Pollica) l’attore David Riondino con Peppe Frana e Ensemble Ambragrigia (3 maggio, Centola) Raiz e Fausto Mesolella con un progetto che rivisita nove classici della canzone napoletana (4 maggio, Sapri), la voce jazz italiana per eccellenza Maria Pia De Vito, accompagnata dal talentuoso pianista gallese Huw Warren, (2 maggio Pisciotta) il cantastorie Mario Incudine che presenterà con il suo trio “BedduGaribbardi”, il racconto musicale dello sbarco dei Mille in Sicilia (2 maggio, Pisciotta), il pianista jazz ammirato da Herbie Hancock Antonio Farao e il suo trio, (1 maggio Castellabate), Mescla e Posteggiatori tristi (1 maggio Montecorice)  con il loro repertorio di canzoni della posteggia napoletana, Antunzsmask, Hybrida, Sonatin for a jazz funeral, Joseph Martone and the Travelling souls, The Lef, Guido Maria Grillo (2 maggio, Camerota).