“Giovanni e Paolo. Al di là di Falcone e Borsellino”: al Teatro di Ateneo dell'Università di Salerno
Fisciano
23 maggio 2014
 
 
"Giovanni e Paolo. Al di là di Falcone e Borsellino", questo il titolo dell’opera di Alessandra Camassa,  presidente della Sezione Penale del Tribunale di Trapani, che andrà in scena al Teatro di Ateneo dell'Università di Salerno presso il Campus di Fisciano,  alle ore 19 del 23 maggio. Una data simbolo della strage di Capaci, dove persero la vita Giovanni Falcone, insieme alla moglie Francesca Morvillo, e tre agenti della scorta. A ventidue anni da quel tragico eccidio, “la Sezione di Salerno dell'Associazione Nazionale Magistrati presenta per la prima volta in Campania in forma teatrale” si legge nella nota stampa “uno spettacolo per ricordare, ma soprattutto per aiutare a comprendere e per migliorare il nostro essere cittadini. "Siamo nella Casa degli Uomini Eletti. Qui si trovano tutti quelli che in vita si sono distinti per coraggio, onestà, dedizione al lavoro, ma che non sono stati uomini perfetti. Non è dunque il paradiso". Così recita infatti un significativo passo dell'opera che introduce in un luogo metafisico, che poco profuma di santità, dove due personaggi si incontrano di nuovo, dopo molto tempo. I toni appaiono subito quelli di un'amicizia interrotta o di una fiducia tradita. L'imbarazzo iniziale lascia gradualmente il posto al ricordo di un senso della vita condiviso, dando spazio all'opportunità di una identità nuova, slegata dalla materia, più alta, senza i vincoli del tempo, più sincera. Le differenze tra i due personaggi rimarranno le medesime, senza conciliazione possibile, ma questo eccezionale incontro ne definirà confini e motivi. E attraverso le "voci di dentro" di Giovanni e Paolo, il teatro si offre nella sua straordinaria funzione di luogo privilegiato in cui è possibile vedere contemporaneamente la maschera e il volto, quello che si conosce insieme a quello che si può solo immaginare, ciò che è insieme a ciò che non è più. La drammaturgia e la regia sono di Dario Garofalo, anche interprete dello spettacolo insieme a Gaspare Balsamo e Giusy Zaccagnini. Le scene sono a cura di Lucia Mammana e Sara Pellegrini, i costumi di Aurora Damanti e Letizia Mascagni. L'iniziativa è promossa dall'Associazione Nazionale Magistrati – Sezione di Salerno, in collaborazione con Università degli Studi di Salerno, Ente Provinciale per il Turismo Salerno, Comune di Salerno, Associazione culturale muSArte-tour, Associazione culturale Compagnia Michele Murino-Cilento Arte, VeliaTeatro. La partecipazione è gratuita.” 
Si prega di voler confermare la propria partecipazione compilando il modulo al link: 
http://comunicazione.unisa.it/accrediti/spettacoloteatrale